back



Tora Kan Dojo
Honbu Dojo IOGKF Italia

(associazione sportiva dilettantistica Tora Kan)


Innanzitutto è bene specificare che il Dôjô non è una ‘palestra’ nell’accezione comune del termine.
La nostra Scuola si è da sempre caratterizzata per essere per l’appunto un
Dôjô.
Dôjô, dal termine sanscrito Bodhi Manda, significa : Luogo dove si pratica la Via, o luogo del risveglio. Questo termine fa ben comprendere le importanti implicazioni spirituali che sottendono alla pratica dell'Arte Marziale.
Il fondamento educativo della pratica del Karate-D
ô è alla base dell'insegnamento nella nostra Associazione.
Un'educazione intesa come strumento di evoluzione fisica e spirituale, attraverso e con il corpo, che educa e fa "crescere" l'uomo a prescindere dall'età anagrafica permettendogli di sviluppare tutte le sue potenzialità.
La pratica dell'autentico Karate-D
ô comprende una grandiosa molteplicità di aspetti tecnici, formativi ed educativi che sempre più spesso  vengono oggi trascurati ed ignorati nelle società sportive per arrivare sempre più rapidamente, ma in modo altrettanto effimero, al risultato agonistico. In questi casi non si può certamente affermare che si pratichi il vero Karate-Do si dovrebbe parlare in tal caso di karate-sport e, l'aspetto esasperatamente agonistico dell’allenamento porta spesso peraltro a risultati tutt'altro che educativi sui giovani.
Nella nostra Scuola la pratica del Karate-D
ô è intesa nella sua accezione più completa.
La a.s.d. Tora Kan è stata fondata nel 1986 e sin da allora Sensei Paolo Taigo Spongia (7°dan)  dirige personalmente tutti i corsi.
Vice Direttore Tecnico della scuola è Sensei Valerio Proietti (4° dan)
.

E' Honbu
Dôjô (Dôjô primario) d'Italia per il Goju-Ryu di Okinawa dell' International Okinawan Goju-Ryu Karate-Dô Federation (IOGKF) del grande Maestro Morio Higaonna di cui il Maestro Spongia è allievo e diretto e che rappresenta in Italia come Capo Istruttore e Responsabile Nazionale.
Gli allievi della nostra Scuola hanno pertanto accesso a tutte le manifestazioni e attività: Gasshuku, Stages, Seminari, gare organizzate in Italia e all’estero dalla IOGKF.
I corsi di Karate-Dô si tengono tutti i giorni con molte possibilità di fascia oraria.
Si tengono corsi di propedeutica al Karate-Dô per i bambini e corsi per ragazzi ed adulti.
Tutti i corsi sono a numero chiuso .

E' Centro di Avviamento allo Sport del CONI e affiliata alla Federazione Italiana Judo Lotta Karate e A.M.(FIJLKAM) e all'ASI.
E' Dojo di pratica Zen. Alla pratica Zen è dedicata un’apposita Sezione pertanto i praticanti di Karate-D
ô interessati hanno l'opportunità di approfondire la propria pratica anche attraverso la meditazione Zazen e l'educazione Zen: filosofia, stile di vita e di pensiero che è alla radice dell'Arte Marziale. 
La Tora Kan è anche Dôjô di Aikido riconosciuto dall'Aikikai Istituto di Cultura Giapponese d'Italia.
Nella nostra scuola si tengono anche corsi di Yoga e di Tai Chi Chuan.

L’OKINAWA GOJU-RYU KARATE-DO

L'Arte del Goju-Ryu Karate-Do nasce nell’isola di Okinawa dall’evoluzione e dalla combinazione di tecniche autoctone e tecniche e metodi di allenamento provenienti dalla Cina del Sud (Fukien).
Il Maestro Kanryo Higaonna, esperto di Okinawa-te, si recò in Cina nel Fuchao provincia del Fukien, intorno al 1867,e lì si stabilì per 13 anni praticando alla Scuola del Maestro Ryu Ryuko che insegnava gli Stili di Kung Fu dello Shaolin del Sud, della Gru Bianca, la Boxe del monaco e la Boxe della Tigre.
Al suo ritorno ad Okinawa il Maestro Higaonna Kanryo diffuse il suo stile che venne denominato Naha-te (dal nome della città di Naha). Tra gli allievi del Maestro Higaonna, il più devoto e quello che ereditò la profonda conoscenza del suo Maestro divenendo il suo successore fu Chojun Miyagi.
Il Maestro Chojun Miyagi perfezionò ulteriormente lo stile insegnato da K.Higaonna, sviluppando le sue conoscenze attraverso diversi viaggi che lui stesso fece in Cina e attraverso la sua intensa ricerca in campo medico e tecnico.
Chojun Miyagi dette nome allo stile Goju-Ryu (stile duro-morbido) dalle caratteristiche di flessibilità e potenza che la sua Arte esprimeva e che si ispirano alla naturale armonia degli opposti che completandosi formano l'Universo.
Il Maestro Chojun Miyagi trasmise le sue conoscenze al Maestro An'ichi Miyagi che a sua volta le trasmise al Maestro Morio Higaonna caposcuola dell'International Okinawan Goju-Ryu Karate-Do Federation e insegnante di Spongia Sensei. L’autentico Goju-Ryu  viene pertanto trasmesso nella nostra Scuola attraverso un’ininterrotta successione di Maestri. 
Il Goju-Ryu di Okinawa, da non confondere con il Goju-Ryu di derivazione giapponese, si caratterizza per la grande efficacia applicativa delle sue tecniche. I suoi Kata (forme) hanno un'immediata applicabilità al combattimento reale che viene costantemente studiata (Bunkai). Grande enfasi è posta sul potenziamento del corpo e della capacità energetica del praticante attraverso Kata tra i quali spicca senz'altro il Kata Sanchin ed esercitazioni che utilizzano metodiche tradizionali (Junbi Undo e Hojo Undo) che apportano al praticante potenza e nello stesso tempo grande elasticità e rafforzano la sua salute. Caratteristica esercitazione dello stile è il Kakie (mani che spingono) attraverso la quale si esercita la capacità di combattere a corta distanza applicando (gyakuwaza) leve articolari e colpi (atemi). L’esercizio del combattimento nel Goju-Ryu di Okinawa, si sviluppa attraverso varie metodiche (Iakusoku, Randori, Iri Kumi Ju, Iri Kumi Go, Ne waza) che portano il praticante a padroneggiare il combattimento in modo completo ed efficace.
Da sottolineare è che il Goju-Ryu di Okinawa trasmesso dal Maestro Higaonna è l’unico stile di Karate-Do ad essere stato riconosciuto dal Ko Budo Kyokai, ente governativo giapponese che ha la funzione di certificare la corretta trasmissione delle antiche arti marziali.
Il Goju-Ryu di Okinawa è pertanto un’arte marziale realmente completa che permette ai praticanti, uomini e donne, di ogni età di formarsi fisicamente, mentalmente e moralmente.

Il Karate-Do per i Bambini

L'a.s.d. Tora Kan, centro CONI di Avviamento allo Sport, nell'operare con i bambini privilegia il momento educativo e formativo evitando qualsiasi tipo di specializzazione precoce.
Si parla pertanto di ’propedeutica al Karate-Do’,
portando il bambino all'amore per lo sport in generale e allo sviluppo di tutte le proprie potenzialità psico-fisiche. La crescita armoniosa viene ottenuta attraverso un'allenamento multilaterale in cui l'aspetto ludico è primario. L'apprendimento è così gioioso e il bambino acquisisce facilmente un'ottimo bagaglio coordinativo che gli permetterà di esprimersi nella vita sociale e in qualsiasi abilità motoria o attività sportiva al massimo delle proprie possibilità.
Il Karate-Do è a tutti gli effetti un’attività motoria completa perchè oltre ad allenare grandemente i prerequisiti funzionali (cap.coordinative) esercita e rafforza in maniera razionale tutti i distretti muscolari dell'organismo migliorando la forza e esplosività e parallelamente l'elasticità e la mobilità.
Le moderne metodologie sono affiancate, nella nostra Scuola, dagli importanti ed efficaci strumenti educativi che vengono dalla tradizione del Karate-Do.
Al compimento degli 11/12 anni di età (a seconda delle caratteristiche del ragazzo) gli allievi passano ai corsi pomeridiani e serali dove sulla base dei prerequisiti allenati negli anni precedenti iniziano lo studio del programma completo del Goju-Ryu Karate-Do.
Il corso di propedeutica al Karate-Do per i bambini è condotto nella nostra Scuola da Sensei Paolo Spongia, Sensei Valerio Proietti, Sensei Beppe Manzari.


Direttore Tecnico del Tora Kan Dôjô è il
Maestro Paolo Taigô Spongia
Cintura Nera 7° Dan (Nanadan) I.O.G.K.F.
Maestro Federale Coni-Fijlkam
Istruttore Coni-Cas Centri Giovanili
Responsabile nazionale e capo Istruttore IOGKF per l'Italia

Vice Direttore Tecnico
Maestro Valerio Proietti
Cintura Nera 4° Dan (Yondan) I.O.G.K.F.
Istruttore ASI e
Istruttore Coni-Cas Centri Giovanili


Come arrivare al Dojo

Il Dojo è in Via di Selva Candida 45/C Roma tel. 06/61550149
ubicato alla periferia nord della capitale è raggiungibile nei seguenti modi:

In Auto

Provenendo dal G.R.A direzione da Flaminia/Cassia a Aurelia/Fiumicino


Visualizzazione ingrandita della mappa

1. Procedi in direzione ovest su A90
5,9 km
2. Prendi l'uscita verso Via Casal del Marmo/ Via Selva Candida/ Via Boccea
300 m
3. Alla rotonda prendi la 2a uscita e imbocca Via di Casal del Marmo in direzione Via Boccea
1,4 km
4. Svolta a destra per rimanere su Via di Casal del Marmo
32 m
5. Continua su Via di Boccea
1,0 km
6. Svolta leggermente a destra in Via di Selva Candida
La tua destinazione è sulla sinistra
350 m
Via di Selva Candida, 45/C
00166 Roma


Provenendo dal G.R.A direzione da Appia/Fiumicino a Aurelia/Cassia


Visualizzazione ingrandita della mappa

1. Procedi in direzione nord su A90
6,6 km
2. Prendi l'uscita Via Boccea verso Roma Centro/ Casalotti/ Primavalle
240 m
3. Entra in Via di Boccea
120 m
4. Svolta leggermente a sinistra per rimanere su Via di Boccea
37 m
5. Svolta a sinistra per rimanere su Via di Boccea
1,3 km
6. Svolta leggermente a destra in Via di Selva Candida
La tua destinazione è sulla sinistra
350 m
Via di Selva Candida, 45/C
00166 Roma


Con i Mezzi Pubblici

Autobus da Piazza Giureconsulti: 904 (scendere alla prima fermata di Via di Selva Candida) o in alternativa 905 o 146 (scendere alla prima fermata di Casalotti e arrivare a piedi a Via di Selva Candida)
Per raggiungere Piazza Giureconsulti prendere la metro A fino alla fermata Cornelia (Direzione Battistini).

 

Per informazioni sui corsi si prega di telefonare allo +39-06-61550149 
oppure via e-mail: torakan at iogkf.it

Tora Kan Do-jo-

Crea il tuo badge

 

Immagini dello storico Dojo
al numero 49

attualmente il Dojo si è trasferito al numero 45/C in una splendida sede.
Queste le immagini della storica sede al numero 49 di Via di Selva Candida, 
dove il Dojo è stato fondato ed è 'vissuto' 25 anni

 

  

       L'ingresso esterno

 

 

 

 

 

                         L'ingresso alla sala di Pratica

 

               

                             Uno scorcio della Sala di pratica

 

 Immagini della nuova, prestigiosa, sede al numero 45/C

 

Le vetrine esterne

L'Ingresso al Dojo

L'Accoglienza

Spogliatoi

corridoio

Il Ryuu no Dojo
La sala di pratica per Aikido - Yoga - Zazen

 

Il Butsudan del Ryuu no Dojo, la sala 'piccola' del Tora Kan Dojo
dedicata alla pratica Zen, dell'Aikido e dello Yoga

Particolare del Butsudan del Ryuu no Dojo, la sala 'piccola' del Tora Kan Dojo
dedicata alla pratica Zen, dell'Aikido e dello Yoga

Porte scorrevoli in stile Shoji

Il Tora no Dojo
La sala grande dedicata alla pratica del Goju-Ryu Karate-Do e del Tai Chi

I tradizionali attrezzi da Hojo Undo del Goju-Ryu Karate-Do

la parete attrezzata del Tora no Dojo
con i sacchi pesanti e 3 makiwara

Il Tora no Dojo, la sala grande del Tora Kan Dojo, dedicata alla pratica dell'Okinawa Goju-Ryu Karate-Do.
Questa foto è stata scattata il giorno dell'inaugurazione il 19 Giugno 2011
 durante la cerimonia Zen di inaugurazione della sala.

Scorcio del Tora no Dojo, la sala grande del Tora Kan Dojo
dedicata alla pratica dell'Okinawa Goju-Ryu Karate-Do

Il Butsudan del Tora no Dojo, la calligrafia 'Ken Zen Ichinyo' (il Karate e lo Zen sono una cosa sola)
è stata donata a Sensei Spongia da Sakiyama Sogen Roshi, famoso Maestro Zen Rinzai,
già discepolo del fondatore del Goju-Ryu Chojun Miyagi

Nana Korobi Ya Oki
Sette volte cadi, Otto rialzati
Roccia incisa da Sensei Paolo Taigo Spongia ed esposta nel Tora Kan Dojo


back